Orti di battaglia

Orti di battaglia

t_copertina

sfilone copia2

Squillino le trombe e suonino i tamburi, o meglio: squillino le zucchine e suonino le pannocchie! E’ scoppiata la guerra degli ortaggi che, dopo anni di reciproca antipatia, hanno deciso di darsele di santa ragione a suon di pugni e sganassoni!
Sarà l’inettitudine del capitano Scorza o la paranoia del capitano Pomo ad averla vinta?
E tu, ti senti di più una zucca o una rapa?
Scoprilo seguendo le avventure di Orti di Battaglia! Vieni a visitare il nostro campo, osserva da vicino la vita di un tubero o di una verdura, riscopri il tuo attivismo di patata e arruolati nel nostro esercito: non mancheranno occasioni di ricevere un pomodoro in faccia! 

vegebattle_logo

“Orti di Battaglia” o per la versione inglese”Vegebattle”, è una serie irriverente e graffiante ideata da Marco Marilungo.  Si tratta di una collana di storie illustrate in cui  gli ortaggi interpretano il ruolo di soldati impegnati in una improbabile guerra di trincea.
Ogni personaggio è cialtrone e incapace; i fascicoli deridono e criticano volutamente la guerra togliendogli ogni alone di impresa epica, sottolineando il grottesco e ridicolizzando qualsiasi lieto fine.
Lo spunto per creare questi personaggi venne dalla lettura delle “Odi Elementari” di Pablo Neruda unita con le atmosfere del film “La Grande Guerra” di Monicelli.

t_00_10

Da entrambe le parti sono schierati gli ortaggi più svitati che abbiate mai visto.
Non si sopportano a vicenda e ne combinano sempre di tutti i colori per farsi dispetto.
Sono strambi e strampalati, cospirano in continuazione, intrigano, imbrogliano e si arrovellano. Qualcuno è codardo e fannullone, qualcuno geniale e sgangherato, qualcuno bugiardo e dispettoso e tutti insieme formano le truppe più sconvolte della storia.
Orti di battaglia è già stato pubblicato per la Regione Marche, con il nome di Orto Biologico e abbiamo avuto modo di riscontrare dal vivo il grande favore dei bambini e la simpatia immediata da loro dimostrata per i racconti e per i gadget.
Le potenzialità di questa collana sono molteplici: ad esempio, su richiesta dell’ Assessorato Regionale all’ Agricoltura abbiamo realizzato una serie parallela, dai toni più addolciti, chiamata “L’Orto Biologico”.
In questo caso l’esigenza era quella di sensibilizzare i bambini delle scuole elementari della Regione Marche ai temi delle coltivazioni biologiche e dei prodotti naturali; sono stati realizzati “Il gioco dell’Oca”, il mazzo di carte e diversi gadget tutti accolti con entusiasmo nel corso della manifestazione svoltasi alla fine dell’anno scolastico.
Abbiamo avuto modo di riscontrare dal vivo il grande favore dei bambini e la simpatia immediata da loro dimostrata per i racconti e per i gadget, tanto che ne sono stati stampati 15.000 pezzi solo per la manifestazione sopra citata.
I bambini hanno manifestato un tale trasporto per i nostri personaggi da farci pensare che potrebbero essere sfruttati per delle campagne pubblicitarie a più largo raggio.

t_IMPAGINATO_canc-8
In questo momento inoltre è in fase di realizzazione un cartone animato tratto da una delle avventure degli ortaggi: il titolo è “Il trasloco” e propone un’ avventura scherzosa volta ad insegnare il principio della rotazione delle colture.
“L’orto biologico” è una serie dagli intenti didattici ed è rivolto ad un pubblico di bambini di età compresa tra i cinque e i sette anni;
Come si può dedurre da quanto realizzato finora è chiaro che questi personaggi si prestano agli adattamenti più disparati: noi non abbiamo fatto altro che proporre due ambientazioni possibili, diversissime tra loro per filosofia e intenti.

t_sfilonne2

 

Per leggere alcuni racconti della serie potete accedere al seguente indirizzo:

issuu.com/empix/docs/impaginato_ita3   (Versione Italiana)

issuu.com/empix/docs/impaginato_ing    (English version)